L’espressione del made in Italy nel mondo

“La storia dei gioielli Damiani è quella di una famiglia italiana fortemente legata alla tradizione e alla passione per l’arte orafa. In famiglia disegniamo e realizziamo gioielli preziosi e unici da tre generazioni. Fin dalla nostra infanzia abbiamo assistito alla creazione di gioielli e alla lavorazione di diamanti e pietre preziose, imparando ad amare una professione e i suoi segreti prima ancora di iniziare a lavorare in azienda.

Credo che le ragioni del nostro successo siano la forte identità, la grande abilità manifatturiera e il design originale, il tutto vivificato da una grande passione.

Guido Damiani

La tradizione espressa in tutti i nostri gioielli rappresenta un’eredità unica, fatta di passione e attenzione per i particolari, di cui siamo fieri e che vorremmo trasmettere ai nostri figli. È una filosofia che condividiamo e che dà vita alle nostre creazioni, ancora oggi fatte a mano in Italia, una a una.”

Guido Damiani

Una storia di famiglia

Damiani nasce a Valenza Po nel 1924 nel cuore del distretto orafo, fondata dal capostipite Enrico Damiani. Grazie alla sua abilità di maestro orafo, Enrico diventa in breve tempo il gioielliere a cui si rivolgono le grandi famiglie dell’epoca per la realizzazione di pezzi unici: veri e propri capolavori di raffinata maestria. Nel 1934 nasce Damiano Damiani, figlio di Enrico, che inizia un processo di potenziamento industriale e di espansione commerciale e promuove la ricerca nel design e l’innovazione tecnica, che segneranno profondamente l’evoluzione aziendale. I gioielli Damiani acquistano sempre maggiore notorietà grazie anche all’idea, rivoluzionaria all’epoca, di garantire il prezzo ai clienti e di creare cataloghi con tutte le collezioni. I primi anni Novanta vedono l’ingresso in azienda della terza generazione: Silvia Damiani si occupa dell’acquisto di perle e segue la comunicazione mentre suo fratello Giorgio, si attiva nell’export. Guido lavora a Tel Aviv con i selezionatori di diamanti delle più grandi aziende del mondo fino al 1994 quando diventa direttore vendite Italia.

Il nostro percorso è stato speciale, perché abbiamo avuto la fortuna di poter imparare il mestiere accanto a nostro padre, un uomo visionario e talentuoso.

Guido Damiani

Nel 1996, Damiano Damiani scompare, vittima di un incidente, e la gestione dell’azienda, che impiega già 200 dipendenti, passa definitivamente nelle mani della moglie e dei tre figli. Oggi Gabriella Damiani è Presidente Onorario, Guido è Presidente, Silvia e Giorgio Vice-Presidenti. Alla fine degli anni Novanta, da azienda familiare, Damiani diventa realtà manageriale sempre più internazionale e nel 2007 si consolida come una delle più prestigiose aziende del Made In Italy quotandosi in Borsa, a Milano.

La tradizione

Guido, Giorgio e Silvia Damiani hanno visto creare gioielli e comprare pietre preziose fin dalla loro più tenera infanzia. Quando era bambina, tornando da scuola, Silvia si fermava nel laboratorio dei suoi genitori e lì ogni giorno prendeva in mano, quello che chiamava “il cavallino verde”: una spilla in oro, diamanti e smeraldi. Si appuntava il gioiello sul vestito e si guardava soddisfatta allo specchio. Persino la scelta della villeggiatura era decisa in funzione delle visite ai grandi venditori di pietre dai quali loro padre doveva acquistare. I fratelli Damiani hanno saputo mantenere la qualità altissima del design e della lavorazione manuale dei loro gioielli, sempre realizzati nella fabbrica di Valenza, e continuano a comprare diamanti, pietre prestigiose e perle dai figli dei fornitori di loro padre.

Per raccontare e creare bisogna sapere.

Silvia Damiani

Il design

Lo stile Damiani, moderno e innovativo, rende unica e inconfondibile ogni creazione. Damiani è l’unica azienda al mondo ad aver ricevuto ben 18 Diamonds International Awards, l’Oscar Mondiale della Gioielleria. A questi riconoscimenti, si aggiungono moltissimi altri premi tra cui, due Tahitian Pearl Trophy, un Haute Couture Design Award, un Vogue Joyas, svariati premi nel campo dell’imprenditoria e altrettanti nella comunicazione.

Grazie a Damiani e a una linea di gioielli chiamata Maji, abbiamo potuto offrire pozzi di acqua potabile a villaggi e scuole africane.

Sharon Stone

L’etica

I fratelli Damiani sanno di essere debitori della natura. L’hanno imparato dal padre, che amava ripetere: «La natura ci regala cose belle, il nostro lavoro è renderle più belle». Così la famiglia Damiani ha voluto dar vita a un progetto internazionale a favore delle popolazioni africane, impegnandosi in prima persona per offrire un aiuto concreto alle persone che abitano nelle vicinanze delle miniere di diamanti. A partire dall’estate del 2011 con il progetto Clean Water, a sostegno dell’associazione non profit Drop in the Bucket, Damiani ha finanziato la costruzione di oltre 70 pozzi d’acqua. Tra le iniziative più recenti, “Damiani for Japan” per raccogliere fondi a sostegno delle donne delle aree colpite dal terremoto e tsunami del 2011 e gli interventi a sostegno delle popolazioni italiane colpite dai terremoti in Emilia Romagna e in Centro Italia, e in Nepal.